Tecnica del Pomodoro: tutto quello che c’è da sapere

Tempo di lettura: 5 minuti

La tecnica del Pomodoro è una popolare strategia di gestione del tempo che si può usare per costruire al meglio la concentrazione, investire il proprio tempo in modo più intenzionale e realizzare di più in ogni giorno lavorativo. 

Tecnica del Pomodoro: tutto quello che c'è da sapere

Per chi funziona la tecnica del pomodoro?

Questa tecnica è particolarmente potente per le persone che:

  1. Hanno difficoltà a rimanere concentrati su un compito;
  2. Deragliano l’intera giornata lavorativa per colpa di “piccole” distrazioni;
  3. Lavorano ininterrottamente senza fare soste;
  4. Finiscono la giornata sentendosi completamente esausti;
  5.  Vogliono maggiore consapevolezza su come trascorrono effettivamente i minuti della loro giornata lavorativa;

La cultura della distrazione e come il Pomodoro può aiutarti a focalizzarti

Se siete mai stati interrotti quando eravate immersi nel vostro lavoro, sapete quanto possa essere difficile recuperare la concentrazione. Tuttavia, il flusso costante di informazioni che si riversa nelle e-mail, nelle chat e nelle notifiche sui social media richiede sempre più attenzione da parte nostra.

Mentre sarebbe bello dare la colpa alla tecnologia per tutto, studi recenti suggeriscono che oltre la metà di tutte le distrazioni della giornata lavorativa sono autoinflitte. In questo momento, può essere facile giustificare frasi come: “Questa e-mail è troppo importante per aspettare“, o “Ci è voluto meno di un minuto per controllare Facebook; non è una vera distrazione“.

Ma queste piccole interruzioni si sommano. L’utente medio di smartphone tocca il telefono 2.617 volte al giorno con quasi 2,5 ore di tempo totale di schermo acceso. Inoltre, uno studio recente ha rilevato che il 62% dei lavoratori riferisce di aver trascorso almeno un’ora di ogni giornata lavorativa a guardare il proprio telefono.

Non è solo il tempo che si perde sulle distrazioni, ma ci vuole anche tempo ed energia per concentrare nuovamente l’attenzione. Dopo aver cambiato marcia, la nostra attenzione mentale può soffermarsi sul compito precedente per più di 20 minuti fino a raggiungere la piena concentrazione. Indulgere l’impulso a controllare Instagram “solo per un minuto” può trasformarsi in 20 minuti per cercare di tornare al compito.

Come possiamo insegnarci a resistere a tutte queste auto-interruzioni e allenare nuovamente il nostro cervello per focalizzarci? E’ qui che entra in gioco la tecnica del Pomodoro.

Cos’è la tecnica del Pomodoro?

La tecnica del Pomodoro è stata sviluppata alla fine degli anni ’80 dall’allora studente universitario Francesco Cirillo, che faticava a concentrarsi sui suoi studi e a completare gli incarichi. Sentendosi sopraffatto, si è chiesto di dedicarsi a soli 10 minuti di studio focalizzato. Incoraggiato dalla sfida, trovò un timer da cucina a forma di pomodoro e nacque la tecnica del Pomodoro.

Anche se Cirillo ha continuato a scrivere un libro di 130 pagine sul metodo, il suo più grande punto di forza è la semplicità:

  • Prendi una lista delle cose da fare e un timer;
  • Imposta il timer per 25 minuti, e concentrati su una singola attività fino a quando il timer suona;
  • Quando la sessione termina, contrassegna un pomodoro e registrare ciò che hai completato;
  • Goditi una pausa di cinque minuti.

Dopo quattro intervalli, o “pomodori”, prendetevi una pausa più lunga e ristoratrice di 15-20 minuti. Gli sprint di lavoro di 25 minuti sono il cuore del metodo, ma la pratica del Pomodoro include anche tre regole per ottenere il massimo da ogni intervallo:

Spezza i progetti complessi

Se un’attività richiede 5-7 pomodori, deve essere suddivisa in fasi più piccole e realizzabili. Il rispetto di questa regola vi aiuterà ad assicurare un chiaro avanzamento dei vostri progetti. I piccoli compiti vanno di pari passo. Tutte le attività che richiedono meno di un Pomodoro devono essere combinate con altre attività semplici. 

In caso di interruzione inevitabile, prendetevi una pausa di cinque minuti e ricominciate da capo. Teniamo traccia delle interruzioni (interne o esterne) man mano che si verificano, e riflettiamo su come evitarle nella prossima sessione.

La regola si applica anche se si termina l’attività data prima che il timer si spenga. Utilizzate il resto del vostro tempo per imparare qualcosa, o per migliorare le vostre abilità e conoscenze. Ad esempio, potreste dedicare il tempo extra alla lettura di riviste professionali o alla ricerca di opportunità di networking.

La tecnica del Pomodoro consiste nel portare la mente a terminare i propri compiti. Anche se ci sono molti sistemi di produttività che aiutano a identificare ciò che si dovrebbe fare, tra cui la matrice di Eisenhower, Eat the Frog e Getting Things Done, solo la tecnica del Pomodoro si concentra su come questi compiti vengono effettivamente svolti.

Invertire la percezione del tempo

Cosa rende così efficace il metodo del Pomodoro? Cambia completamente il senso del tempo.

Quando pianifichiamo i nostri progetti futuri, la maggior parte di noi è vittima dell’errore di pianificazione: la nostra tendenza a sottovalutare enormemente il tempo necessario per completare i compiti futuri, anche quando sappiamo che compiti simili hanno richiesto più tempo in passato. 

La tecnica del Pomodoro può essere un’arma preziosa contro l’errore di progettazione. Quando si inizia a lavorare in sessioni brevi e a tempo, il tempo non è più un concetto astratto ma un evento concreto. Diventa un’unità di tempo e fatica. Distinto dall’idea di 25 minuti di “lavoro” generale, il pomodoro è un evento che misura la concentrazione su un singolo compito (o più compiti semplici).

Il concetto di tempo passa da una rappresentazione negativa – qualcosa che è stato perso – ad una rappresentazione positiva degli eventi realizzati. Cirillo chiama questo “tempo invertito” perché cambia la percezione del tempo che passa da una fonte astratta di ansia, a una misura esatta della produttività. Questo porta a stime di tempo molto più realistiche.

Quando si utilizza la tecnica del Pomodoro, si ha una chiara misurazione del tempo finito e degli sforzi, che permette di riflettere e pianificare le giornate in modo più accurato ed efficiente. Con la pratica, sarete in grado di valutare con precisione quanti pomodoro un compito assumerà e costruire abitudini di lavoro più coerenti.

Il prossimo pomodoro andrà meglio

Ogni pomodoro offre l’opportunità di migliorare la forma. Cirillo sostiene che “la concentrazione e la coscienza portano alla velocità, un pomodoro alla volta”.

La tecnica del Pomodoro è accessibile perché riguarda più la coerenza che la perfezione. Ogni sessione è un nuovo inizio per rivalutare i propri obiettivi, sfidare se stessi a concentrarsi e limitare le distrazioni. Puoi far funzionare il sistema per te. Motivati per costruire il tuo successo fissando l’obiettivo di aggiungere ogni giorno un pomodoro in più. Sfida te stesso a finire un grande compito in un certo numero di pomodoro. Provare a impostare un numero obiettivo di pomodoro per ogni giorno senza rompere il ciclo.

La chiave è di continuare a lavorare nelle vostre sessioni per evitare di cadere nel ciclo di scoppi frenetici e drenanti di lavoro.

È inoltre possibile sperimentare la durata e la frequenza delle sessioni di pomodoro. Se si fa fatica a completare anche un solo pomodoro – impostare un obiettivo di lavoro più piccolo di 10 minuti e costruire fino a una sessione completa di 25 minuti. Oppure prova una pausa di 10 o 15 minuti tra una sessione e l’altra. La chiave è continuare a lavorare nelle tue sessioni per evitare di cadere nella procrastinazione.

Per alcuni progetti, 25 minuti potrebbero non essere sufficienti. Provate sessioni di lavoro prolungate con pause più lunghe. Uno studio ha scoperto che un focus di 52 minuti e una pausa di 17 minuti è l’equilibrio perfetto. Altri preferiscono 90 minuti pieni con una pausa di 20-30 minuti. Prova a mescolare gli intervalli in base all’energia disponibile e alla complessità del lavoro. 

E’ giunta l’ora di cambiare

Se ti è piaciuto questo post, amerai ogni sabato mattina la mia email con i migliori post di produttività, cambiamento e carriera. Iscriviti e ricevi una copia gratuita del mio ebook, “Miglioriamo noi stessi“. Unisciti a più di 1600 persone in viaggio per costruire una vita migliore.

Lascia il tuo commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: