Skip to main content

Vi siete mai trovati di fronte a una situazione in cui avete avuto paura di prendere una decisione, di cambiare o di correre un rischio? Vi siete mai trovati di fronte a una situazione in cui avete avuto paura di prendere una decisione, di cambiare o di correre un rischio?

Alla fine hai corso quel rischio o hai preso quella decisione? Oppure, sei rimasto fermo e hai lasciato le cose com’erano? Se l’hai fatto, sei contento di come sono andate le cose?

La paura è una cosa preziosa. Mantiene le persone al sicuro e incoraggia la cautela quando la cautela è dovuta. Ma la paura di prendere una decisione può anche essere un fattore limitante, perché non tutto ciò di cui si ha paura deve essere davvero temuto.

È nella nostra natura sentirci al sicuro: sentirci a nostro agio e lontani dai pericoli. Questo è sempre stato così fin dall’inizio dei tempi, quando i primi esseri umani sapevano solo dare priorità alla sopravvivenza. Ancora oggi, molti scelgono di andare sul sicuro ed evitano di correre rischi o di fare salti, quando si tratta delle loro scelte di vita.

Il realista e il sognatore

Ci sono due tipi di persone: i realisti e i sognatori. I realisti sono il tipo d’individui logici e cauti che pensano e soppesano sempre i pro e i contro prima di prendere qualsiasi decisione, soprattutto quelli grandi, che cambiano la vita. 

Che si tratti di decidere in cosa specializzarsi all’università, quale percorso professionale intraprendere, se acquistare o meno quella casa o quella macchina, se andare in vacanza, o se sfoggiare quel nuovo orologio, i realisti pensano a lungo e intensamente prima di prendere una decisione, se decidono. 

I realisti si attengono al piano “cosa c’è dopo?“. Guardano al futuro e non possono astrattamente considerare diverse possibilità per dove la vita può condurre. Questo di solito è dovuto alla fiducia che hanno già dedicato a un piano accettato.

Anche i realisti hanno dei sogni, ma questi sono più radicati nell’ambizione, nella spinta e nella determinazione. Sono obiettivi che sono stati enumerati da tempo. I realisti comprendono che il progresso richiede più dell’ambizione e della spinta, ma anche delle connessioni. 

Sentono che la vita non è mai priva di preoccupazioni a causa della sopravvivenza, della responsabilità e… del pagamento di un affitto o di un mutuo. Di conseguenza, tendono a fare scelte sicure e ad attenersi alla loro comodità di sapere cosa è meglio per loro stessi.

Ora guardiamo ai sognatori. I sognatori stanno bene. Hanno grandi ambizioni, si assumono rischi, a volte troppo impulsivi, ma spesso sfidano sempre le norme della società e osano pensare fuori dagli schemi. Questo non vuol dire che non abbiano progetti o un percorso da seguire. Ma hanno più probabilità di cambiare il corso del loro viaggio attraverso il tempo, l’esperienza e seguendo il loro cuore.

I sognatori traggono la loro ispirazione dall’interno. Le prospettive di nessun altro pesano abbastanza da spostare la spinta di un sognatore. I sognatori non si lasciano consumare dalle loro paure. Possono fallire di tanto in tanto, ma non rinunciano mai alla vita o all’amore.

Abbracciare la paura

Allora, quale dei due pensi di essere? E uno è migliore dell’altro? Nella vita, l’equilibrio è sempre la chiave. Sono sicuro che avresti sentito dire: “tutto con moderazione“. Allo stesso modo, essere realista non è meglio che essere un sognatore. Entrambi arrivano con le loro sfide. Ma quello che so, è che non importa dove ti trovi nella vita, la paura di prendere una decisione deve sempre essere vista come un modo per spingerti a diventare un te stesso migliore.

Uscire dalla propria zona di comfort è un tipo di paura che dovrebbe essere abbracciata. Se ti vedi come un sognatore, allora sogna alla grande! 

È probabile che uscire dalla tua zona di benessere non sia una novità per te. Sia che si tratti di decidere di abbandonare l’università per avviare la propria attività, di trasferirsi in un nuovo paese da soli, di fare quel passo per chiedere a qualcuno di uscire con te nonostante pensi che sia fuori dalla tua portata, o di decidere di lasciare il tuo lavoro altamente remunerativo di 10 anni per diventare un DJ. 

Hai scelto di farlo perché sapevi che molto probabilmente avresti rimpianto il “cosa fosse stato se…” più degli errori (se ce ne fossero stati) di quelle decisioni.

Ma se sei sempre stato un individuo più cauto (che sta per diventare realista), allora spero che penserai di più ad abbracciare di più l’atto di uscire allo scoperto! Naturalmente, questo non significa che devi iniziare a prendere decisioni affrettate o audaci come quelle menzionate. Significa solo aprire la mente all’accettazione del fatto che uscire dalla propria zona di benessere non è una cosa negativa, non è qualcosa di cui esitare o avere paura.

Nei momenti di stress o di disagio, ricordate che alcune delle cose migliori accadono quando si ha paura o ci si trova in una situazione scomoda. Queste esperienze possono sia sfidarvi che aiutarvi a crescere

Impegnatevi a mettere alla prova la situazione con il massimo impegno e a mantenere basse le aspettative per ridurre la pressione aggiuntiva. Vivere al di fuori della propria zona di comfort è per definizione scomodo. Pertanto, la migliore abitudine che potete coltivare dentro di voi è la pratica di familiarizzare con il disagio.

Potreste trovarvi a un bivio nella vita e sentirvi indecisi su qualcosa, o potreste sentirvi come se non foste soddisfatti di dove vi trovate in questo momento. Potrebbe essere un lavoro di cui non siete soddisfatti, una relazione in cui non siete felici, o anche solo sapere che vi sentite troppo a vostro agio con la situazione in cui vi trovate, che non vi sentite messi in discussione. 

Tutta questa incertezza può essere ricondotta alle tue intenzioni. 

Che cos’è che vuoi? Che cos’è che cerchi? Allora, cos’è che stai cercando?

Abbiamo obiettivi, sogni e aspirazioni diversi, ma tutti portano allo stesso risultato: diventare migliori di quello che eravamo prima. Che sia in termini di felicità, ricchezza, amore, ecc.

Allora perché alcuni di noi hanno difficoltà ad andare avanti?

Per liberarci dai nostri limiti, dobbiamo fare un passo indietro e acquisire una nuova prospettiva su cosa sono realmente i limiti rappresentano. In superficie, le limitazioni sono cose che ti impediscono di fare qualcosa, ma se scavi più a fondo, scoprirai che le limitazioni sono le cose che ti tengono vincolato all’interno di un loop.

I limiti ti tengono bloccato ad affrontare gli stessi problemi, ad avere le stesse scelte e a compiere le stesse azioni più e più volte le stesse azioni. Le limitazioni definiscono la vostra situazione attuale, il che significa anche che definiscono la qualità della vostra vita

Se volete migliorare la qualità della vostra vita, allora dovete essere in grado di liberarvi dalle limitazioni che vi fanno vivere lo stesso loop ogni giorno, mese e anno. Vivere la vostra vita libera dalla paura di prendere una decisione.

La vostra realtà deriva dalla vostra percezione.

Non è la realtà che è importante, ma come la vedi. Essere in grado di controllare il tuo modo di guardare le cose è la chiave per liberarsi e creare il successo che vuoi. Modellare la vostra percezione è così potente che un piccolo cambiamento di prospettiva può cambiare completamente tutto, compresa la vostra motivazione, la vostra prospettiva e la vostra autostima!

Quindi tutte le limitazioni partono davvero dalla vostra mente

Questa è una buona notizia perché significa che potete imparare a prendere il controllo dei vostri limiti e spingere fuori dalla vostra attuale situazione per tornare in pista con il miglioramento di voi stessi, tenendo lontana la paura di prendere una decisione.

Concetti chiave

  • Realista: il tipo d’individuo logico e cauto che pensa e soppesa sempre i pro e i contro prima di prendere qualsiasi decisione. Guarda al futuro e non può astrattamente considerare diverse possibilità per dove la vita può condurre.
  • Sognatori: il tipo di persone che traggono la loro ispirazione dall’interno. Possono fallire di tanto in tanto, ma non rinunciano mai alla vita o all’amore.

Abbracciare la paura

  • La paura di prendere una decisione deve sempre essere vista come un modo per spingerti a diventare un te stesso migliore.
  • Se ti vedi come un sognatore, allora sogna alla grande!
  • Uscire dalla propria zona di comfort è un tipo di paura che dovrebbe essere abbracciata.
  • Nei momenti di stress o di disagio, ricordate che alcune delle cose migliori accadono quando si ha paura o ci si trova in una situazione scomoda.