Un piccolo gesto aiuta questo progetto a crescere.
closeup photography of cairn stone

5 Consigli di mindfulness in quarantena

Quando ho iniziato a ridurre al minimo il contatto con il mondo esterno e a tenere d’occhio il mondo intorno a me, ho pensato che sarebbe stato un esercizio calmante parlare di mindfulness in quarantena, e di quanto possa essere preziosa per ridurre l’ansia e il panico, soprattutto in tempi come questi.

mindfulness in quarantena

Mentre la prospettiva di una quarantena prolungata diventa una realtà, i feed dei social media sono sommersi di modi per rimanere occupati durante i prossimi mesi in cui è inevitabile subiremo un “distanziamento sociale”.  Fai un corso di coding, riordina la casa con il metodo di Marie Kondo, impara a suonare l’ukulele, completa quel corso di francese avanzato e la lista sembra infinita. Nonostante la varietà delle attività offerte, c’è un chiaro messaggio che guida il tutto: non perdete l’occasione di fare di più! 

Naturalmente l’ansia per questa quarantena è reale e se da un lato le “liste di cose da fare” possono essere un’utile distrazione, dall’altro possono anche creare stress in tempi già stressanti.  Sicuramente questo non è mindfulness.

La vita moderna è inestricabilmente associata all’essere occupati, e non essere “occupati” è visto come un segno di fallimento. Quando la vita viene misurata grazie al feed di Instagram, la pressione per mostrare a tutti che si sta facendo di più può, essere intensa. 

L’universo ha premuto il pulsante PAUSA, ma la pressione è ancora più forte. 

Ci sono molte ragioni per cui riempiamo i nostri programmi con tanto zelo; perché ci impegniamo a fare sempre di più. Insieme al senso di realizzazione, il fare ci dà un senso di controllo. Naturalmente non c’è nulla di sbagliato nell’attività in sé, ma la sua stessa natura è centrata sul futuro e questo ci porta via da ora, dal momento che abbiamo davanti a noi. 

Una vita in costante attività, soprattutto quando c’è sempre qualcos’altro da fare dopo, ci allontana dalla ricchezza del momento presente. 

Come per la maggior parte delle cose della vita, si tratta di equilibrio: l’essere contro il fare. La mindfulness in questo ci aiuta.

Le prossime settimane (o mesi!) di auto quarantena sono un’opportunità, un’opportunità per essere più presenti a come viviamo e per conoscere noi stessi a un livello più profondo. Concentrarsi sull’essere quanto sul fare può aiutarci a coltivare un maggior senso di sé e una connessione più profonda con il mondo che ci circonda

Molti di noi si aggrappano disperatamente a una vita scandita dal fare perché essere nel momento presente può essere scoraggiante. Può essere vuoto e piene di paure. L’essenza dell’essere è difficile da descrivere, in definitiva si tratta di riconoscere ciò che è senza cercare di cambiarlo. È solo quando ci si libera dalla “cultura del fare” che si può prendere coscienza della pienezza e della complessità della propria vita. Diventiamo consapevoli di ciò che è veramente importante per noi. 

Quindi, come si passa da uno stato costante di fare a coltivare il nostro essere?

mindfulness in quarantena

Un primo passo consiste nell’essere pronti a fermarsi e a trovare il tempo durante il giorno.  E’ il primo passo per una mindfulness sana.

Un consiglio è quello di sgombrare la mente, sentire i piedi per terra, fare un paio di respiri profondi, ed essere consapevoli del momento.  

Ma alla fine la cosa da chiedersi è: come vuoi sentirti e cosa ti aiuterà a sentirti in questo modo? Se volete sentirvi calmi, aggiungere altre attività alla vostra lista di cose da fare non vi aiuterà a sentirvi rilassati.   Se volete provare gioia, abbracciate le cose che generano più felicità. Siate felici. Siate calmi. 

Nelle prossime settimane, la pressione da fare sarà travolgente per molte persone. E se la quarantena finisse e non avessi imparato 12 nuove pose yoga?

Questa pausa è un dono – usatelo con saggezza. 

Concentrarsi sulla mindfulness è particolarmente importante in questo momento, data il ridursi delle nostre attività sociali. Ecco quindi alcuni consigli, suggerimenti e punti di partenza per la vostra avventura:

1. App per la meditazione e l’attenzione

Ci sono così tante nuove app per la consapevolezza che può essere facile sentirsi sopraffatti dal numero di opzioni. C’è Calm, Breethe, Headspace, solo per citarne alcune. Alcune di queste app sono a pagamento, altre sono gratuite.

2. Video YouTube super zen calmanti

Ci sono così tanti speech, meditazioni e discussioni sulla consapevolezza su YouTube che potresti letteralmente passare tutto il tuo periodo di auto-quarantena lasciando che scorrano senza soste. I miei consigli sono il canale La via della consapevolezza, il canale del dottor Filippo Ongaro, ed il canale pieno di colonne sonore zen Yellow Brick Cinema.

3. Attività di consapevolezza che potete fare ovunque

La consapevolezza non è qualcosa per cui si debba pagare – e non è qualcosa per cui si debba uscire di casa. Uno dei miei esercizi di consapevolezza preferiti, facili da fare, consiste semplicemente nell’ascoltare la vostra mia preferita, ma resistendo ai giudizi e ai pensieri che normalmente potrebbero accompagnarsi a questa musica. Altri esercizi includono trovare un oggetto naturale nelle vicinanze e concentrarsi su di esso per diversi minuti, o fare un check-in con le diverse parti del corpo (si chiama body scan!) stando seduti comodamente.

Se tutto il resto non funziona, potete sempre ordinare un libro da colorare per adulti, oppure scaricare queste delle stampe gratuite da colorare.

4. Fate qualcosa di creativo

Sareste sorpresi di quanto possano essere tranquillizzanti le arti e i mestieri. Disegnare, colorare, ricamare, o costruire qualcosa con le mani ti costringerà ad essere nel momento. 

5. Animali

Potrebbe sembrare una cosa ovvia, ma ci sono molte ricerche che suggeriscono che stare in presenza di animali ci aiuta a ridurre al minimo lo stress e a stare attenti. Quindi, se avete un animale domestico, tenetelo molto vicino. Dategli una spazzola! Fate delle foto e inviatele ai vostri amici! Ma non preoccupatevi se non avete un animale domestico, perché internet vi copre le spalle. YouTube è pieno di brillanti video compilation di animali domestici che dovrebbero farti dimenticare la parola “pandemia” in un batter d’occhio.

Leggi altre risorse
woman wearing red knit top
Dedica una settimana al pensiero: la think week di Bill Gates