3 Lezioni da Soul e sul senso della vita

Ho visto il nuovo film della Disney Pixar Soul su Disney Plus e sono rimasto sbalordito. La Pixar ha fatto di nuovo centro con un altro bel film dopo Inside Out. Ma Soul non √® solo un film dall’aspetto magnifico: √® un racconto stimolante con un profondo messaggio di esistenzialismo e di senso della vita.

Attenzione questo articolo contiene spoiler.

La storia di Soul mi è rimasta impressa per molto tempo dopo la fine dei titoli di coda, e penso che sia perché il messaggio del film ha avuto una profonda risonanza con il mio io.

Ogni persona ha quell’unica cosa che ama davvero, davvero tanto. Giusto? Forse √® il calcio. Forse √® il pianoforte. Forse √® la danza. Forse √® il coro. Forse √® la fotografia. Forse √® la pallavolo. Forse √® la batteria. Forse √® il cinema. Non importa quale sia la tua scintilla, ma devi trovarla per sapere cosa vuoi ‚Äúfare da grande‚ÄĚ. Almeno, questo √® quello che pensa il personaggio del film chiamato 22.

Ed è quello che penso anche io: qualcuno che ha provato e rinunciato a tutte le scintille sopra elencate come un bambino/adulto troppo abituato a pensare.

22 √® intrappolata in un purgatorio chiamato Il Grande Prima. A meno che non trovi la sua “scintilla“, le viene detto, non otterr√† mai il suo “Pass per la Terra”, che le permetter√† di abitare il corpo di un umano. 22 √® convinta che non la trover√† mai, e decide di non voler andare sulla terra. 

Nessuno, n√© Gandhi, n√© Abramo Lincoln, n√© Madre Teresa, pu√≤ convincerla del contrario. Se non riesce a trovare l’unica cosa che ama, che senso ha vivere? Entra il protagonista di Soul, Joe Gardner, un insegnante di jazz delle scuole medie che muore subito dopo aver ottenuto un ruolo in una jazz band per il concerto che aspettava da una vita. Joe si rifiuta di morire prima della sua grande occasione – prima di ottenere il lavoro dei suoi sogni – e diventa cos√¨ il mentore di 22. 

Joe e 22 fanno un accordo: Joe aiuterà 22 a trovare la sua scintilla, e poi prenderà il suo Pass per la Terra. Joe ha una seconda possibilità nella vita e 22 rimane nel Grande Prima. Tutti felici e contenti.

Insieme cercano la scintilla di 22 nella Sala del Tutto. Una sala piena di tutto quello che la vita ci riserva: dalla pizza, al vento nei capelli. Joe pensa che sar√† facile: sa tutto sulle scintille, perch√© la sua, pensa, √® il pianoforte. 

22 prova a fare il pompiere, la pittrice, la bibliotecaria, il chimico, la ginnasta, l’astronauta e il Presidente degli Stati Uniti. La sua reazione a ogni lavoro √® semplicemente: “Mah”. 

Qui √® forte il collegamento con quando ti viene detto che puoi essere qualsiasi cosa tu voglia essere nella vita, ma alla base di questo presunto adagio motivazionale (da para-guru) c’√® il comando di scegliere qualcosa, di seguirlo e di farne una parte fondamentale della tua vita come carriera per il resto dell’eternit√†. 

Finalmente 22 ha la possibilit√† di vivere sulla Terra nel corpo di Joe (qui non spoilero), si rende conto, in realt√†, che ci sono cose che la rendono felice. Ma non sono il genere di cose che possono essere sfruttate come lavoro – √® la brezza che soffia dolcemente le foglie mentre cammina sul marciapiede in un giorno d’autunno a New York, o la chitarra suonata da un busker nella stazione della metropolitana.

Forse guardare il cielo pu√≤ essere la mia scintilla“, suggerisce. “O camminare! Sono davvero brava a camminare“.

Questi non sono davvero degli scopi, 22“, risponde Joe. “√ą solo la solita vecchia vita“. 

Ma pi√Ļ tardi, quando 22 finalmente ottiene il suo Pass per la Terra e Joe chiede a Jerry, uno dei consiglieri dell’anima del Grande Prima, quale fosse lo scopo di 22, l’entit√† eterea si limita a ridere di lui.

Una scintilla non √® lo scopo di un’anima!‚ÄĚ Jerry dice. “Oh, voi mentori e le vostre passioni. I vostri scopi, il vostro senso della vita. Cos√¨ basilari“.

Joe recupera il suo corpo in tempo per suonare il suo concerto. Va bene. Va davvero bene. La leader del quartetto jazz si complimenta con lui. Ottiene un posto fisso nella band. Tecnicamente, ha ottenuto il lavoro dei suoi sogni

Allora perché tutto sembra ancora così banale? Perché la sua vita non inizia come pensava? Perché, ovviamente, la vita non ha uno scopo. Non si tratta di un lavoro da sogno. Si tratta di una vecchia vita normale. La vita di Joe era iniziata molto prima. Solo che non la stava vivendo davvero.

La lezione qui non √® proprio quella di rinunciare al lavoro dei propri sogni; si tratta di lasciar perdere l’idea che averne uno √® l’unica via per la felicit√†. Gli hobby sono grandi. Le passioni sono grandi. Ma queste cose – calcio, canto, pianoforte, o anche suonare la batteria – non devono essere per forza tutta la vita. Non devono contribuire alla societ√†. Non devono farti guadagnare soldi.

Non devono essere in qualche modo modellati per adattarsi a un ideale capitalista di uno scopo. E se ci rinunci, va bene, perché la vita non è fatta di una sola scintilla.

La verit√† √® che ho sempre pensato che ci fosse qualcosa che non andava in me“, 22 confessa a un certo punto. “Come se forse non fossi abbastanza brava per vivere“. Ma lei era sempre abbastanza brava. Era il resto di noi che non riuscivamo a vederlo. 

Dalla visione di questo film mi sono portato a casa 3 lezioni sul senso della vita.

Praticare la consapevolezza

Soul si svolge nell’arco di un giorno. Il protagonista, Joe Gardner, corre contro il tempo per rientrare nel suo corpo in tempo per esibirsi con la famosa artista jazz Dorothea Williams. Joe √® accompagnato nel suo viaggio da 22, un’anima non ancora nata del Grande Prima che non ha intenzione di vivere la vita sulla Terra.

Tuttavia, man mano che la storia procede, vediamo 22 sperimentare un senso di gioia e meraviglia da attività apparentemente banali. Mangiare una pizza al salame, ascoltare un musicista in metropolitana, vedere una bambina con sua figlia, camminare Рtutte queste attività apparentemente banali affascinano 22 durante il suo tempo sulla Terra.

Vedere 22 trarre un tale piacere dal semplice essere è un meraviglioso promemoria di quale gioia sia in realtà il miracolo della vita.

Siamo così presi a realizzare tutto questo e a raggiungerlo che a volte ci dimentichiamo di fermarci ad annusare le rose. Ci trascuriamo e non viviamo nel qui e ora.

√ą importante fare un passo indietro dal trambusto della vita quotidiana e fermarsi a respirare. Apprezzare il presente, il momento in cui ti trovi, e festeggiare ogni opportunit√†, buona o cattiva che sia, perch√© significa che hai avuto la fortuna di sperimentare la vita. Un diario della gratitudine pu√≤ essere uno strumento utile per aiutare in questa pratica.

Allarga i tuoi orizzonti

Joe Gardner √® appassionato di jazz. Questo √® evidente fin dai primi momenti del film. Ma man mano che la trama si sviluppa, diventa evidente al pubblico che questa √® l’unica cosa che gli interessa; √® talmente consumato dal suonare il pianoforte per vivere che trascura i rapporti con gli amici e la famiglia.

C’√® una scena struggente in una bottega di barbiere dove Joe viene a sapere che Dez, l’uomo che pensava fosse nato per tagliare i capelli, in realt√† voleva fare il veterinario, ma ha scelto la scuola di barbiere meno costosa quando √® nata sua figlia. Quando gli viene chiesto perch√© non ha mai rivelato quel dettaglio su di s√©, Dez risponde: “Non l’hai mai chiesto“.

√ą cos√¨ facile diventare ossessionati dal seguire le nostre passioni sopra ogni altra cosa, ma dobbiamo ricordare a noi stessi che nella vita c’√® qualcosa di pi√Ļ di una sola cosa. Concentrarci solo sulla nostra passione pu√≤ isolarci dal resto del mondo; diventiamo anime perdute dedite a una spinta onnicomprensiva dove nient’altro ha senso.

Quindi sì, segui la tua passione, ma non dimenticare che ci sono altre grandi cose nella nostra vita che hanno bisogno di essere custodite e valorizzate.

Trova la tua scintilla

Verso la fine del film, Dorothea Williams racconta a Joe la seguente storia: 

“Ho sentito questa storia di un pesce, lui nuota fino a un pesce pi√Ļ vecchio e dice: ‘Sto cercando di trovare questa cosa che chiamano l’oceano’. L’oceano?”, dice il pesce pi√Ļ vecchio, “√® quello in cui ti trovi adesso”. Questo”, dice il giovane pesce, “questa √® l’acqua. Quello che voglio √® l’oceano””.

Per tutto il film, Joe parla di come sia la sua grande occasione per suonare al fianco di Dorothea e che la sua vita sarebbe cambiata per sempre se fosse riuscito a realizzarla. Beh, Joe riesce davvero a raggiungere il suo obiettivo e ad assicurarsi il concerto, ma √® deluso quando pensa che la cosa gli “sembrer√† diversa”. Invece, era sempre lo stesso vecchio Joe, che guidava la stessa vecchia metropolitana e viveva la stessa vecchia vita di prima.

Joe ha commesso l’errore fatale di equiparare il seguire la sua passione con gli orpelli della fama e della fortuna.

Quello che Joe non si è reso conto è che non doveva vivere la sua passione. Come è stato mostrato in precedenza nel film, Dez non ha realizzato il suo sogno di diventare veterinario, ma ha comunque vissuto una vita significativa.

Anche la madre di Joe gli ricorda che “la passione non paga le bollette” e che √® stata la sua sartoria a coprire le finanze, mentre il padre di Joe ha scelto la carriera di musicista.

Come creativi, possiamo anche volere che la nostra passione ci guidi e ci sostenga, ma questo non significa che dobbiamo farne il nostro tutto.

C’√® un detto popolare che dice che se segui la tua passione non lavorerai mai un giorno nella tua vita. Beh, sono qui per dirvi che questo mito del “segui la tua passione” √® un consiglio inutile. Diceva il Principe: “Sono stato in cima alla montagna, non c’√® niente”.

Il senso della vita √® una vita di senso; non basta lottare costantemente per ottenere risultati pi√Ļ grandi e migliori. √ą importante apprezzare il momento, perch√© √® questo che rende la vita veramente degna di essere vissuta.

A te cos’√® piaciuto di Soul?

Aspetto il tuo commento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Index