Raggiungere il work life balance può essere davvero difficile. La gestione della propria vita personale e professionale è oggi diventata sempre più difficile

work life balance

Nonostante la ricerca a livello, pochissimi hanno trovato una definizione accettabile del concetto di work life balance.

Definiamo prima di tutto cosa non è l’equilibrio tra lavoro e vita privata.

Work life balance non significa uguale equilibrio. Se stai cercando di pianificare un numero uguale di ore per ciascuna delle attività lavorative e personali è un gioco poco gratificante. L’equilibrio tra lavoro e vita privata varia nel tempo, e spesso in maniera giornaliera: è diverso per ognuno di noi perché abbiamo priorità diverse e vite diverse. Orari di lavoro più lunghi, pressione per fare le cose velocemente, pressione per raggiungere gli obiettivi… e meno tempo per noi e la work life balance va a farsi benedire. Questa combinazione di cose crea stress e conflitti, quotidianamente. Lavorare più a lungo e più duramente non significa ottenere di più, soprattutto se non hai tempo da dedicare alle persone e/o cose che contano di più.

La qualità di chi sei come persona, le tue relazioni, il tempo che passi a lavoro, incidono su ciò che conta facendoti perdere controllo. In un precedente articolo avevo dato 5 consigli su come migliorare la work life balance.

Leggi anche “5 passi per migliorare la tua work life balance”

Di seguito alcuni spunti, che spero ti possano aiutare:

Fermati

work life balance

Quando è stata l’ultima volta che ti sei preso un po’ di tempo libero dal lavoro?

Uno dei modi migliori per creare un ambiente di lavoro produttivo e creativo è quello di staccarti e guardare con distanza tutte le tue attività al lavoro. Se prendi tempo otterrai chiarezza su ciò che è importante sia nell’immediato presente sia nel futuro, tornerai pieno di energie e motivato. In definitiva fermandoti ti riequilibri. Prova a fermarti un paio di volte ogni due mesi e inizierai a vedere risultati immediati a tutti i livelli sia personali sia lavorativi. Lo scopo delle ferie è quello di concedersi una pausa dalla routine e avere l’opportunità di godere dei frutti del proprio lavoro (sia che tu sia un manager, che una super mamma). Utilizza il tempo durante le ferie può aiutarti a connetterti con gli amici e la famiglia o semplicemente sentirsi ed ascoltarsi. Programma i tuoi giorni di ferie in anticipo in modo che le scadenze lavorative non t’impediscano di ottenere quella pausa. Lavora con i colleghi per coprirti a vicenda in modo da poterti prendere tutto il tempo libero senza stress.

Smettila di preoccuparti

work life balance

Ogni giorno c’è una preoccupazione.

Non potrai ottenere una promozione? Cosa succede se non rispondo a quella email? Cosa rispondo a quell’obiezione del mio cliente? Devo finire le slide per la riunione con il capo! ecc. ecc. ecc. Elimina tutte le paure che possa succedere qualcosa di negativo, devi credere in te stesso altrimenti chi pensi che lo debba fare? Una volta che hai questa convinzione e fiducia, lasciare andare la paura: ti sentirai risollevato e produttivo.

Definisci le tue priorità

work life balance

La vita risponde a queste tre semplici domande: Cosa voglio? Perché lo voglio? E come posso ottenerlo?

Shannon L. Adler

Quando termini la tua giornata dai uno sguardo alla liste delle cose da fare: quante attività hai fatto? Quante attività sono rimaste indietro? Quante sono prioritarie? Quali devono essere fatte per il giorno dopo?

Se sei interessato alla gestione delle priorità ne ho parlato in questi articolo: 7 modi per diventare un dipendente al top delle performance

Tutto inizia con una chiara comprensione di quello che vuoi oggi e nell’immediato futuro. Cosa stai pianificando? Su cosa stai lavorando? Che aspettative hai? Una volta capito questo, crea obiettivi e progetti che ti aiuteranno a raggiungere i tuoi obiettivi più grandi. Puoi costruire 30 giorni di obiettivi e risultati da raggiungere, e poi definire il processo per raggiungerli. Da questo piano capirai la tua priorità e dove dovresti dedicato il tuo tempo.

Less is more

Non partire con una to do list di 10 attività da completare già domani mattina: concentrati sul raggiungimento di sole 5 attività importanti ogni giorno. Alla fine della giornata – appena avrai terminato le tue cinque attività – ti sentirai appagato. Non affogare in troppe cose da fare, altrimenti ti scioglierai come una palla di neve al sole.

Esprimi gratitudine

work life balance

Prova a ringraziare per tre cose alla fine di ogni giorno e vedere come questo cambia il tuo stato d’animo e la tua mente.

A volte siamo così occupati a lavorare e avendo la nostra mente nel futuro che ci dimentichiamo del qui e ora. Credo che sia essenziale includere la gratitudine come parte della vita di tutti i giorni, per apprezzare davvero tutto quello che abbiamo nella nostra vita. Quando trovi le cose che ti piacciono, questo influenza il tuo stato d’animo.

Disconnetterti

work life balance

Nell’odierno mondo tecnologicamente avanzato, molti di noi sono sotto pressione per essere sempre “on” quando si tratta di lavorare, il tutto a discapito della work life balance.

E mentre non c’è niente di sbagliato nel controllare le e-mail relative al lavoro dopo l’orario di lavoro o a volte durante il fine settimana per tenere il passo con le scadenze, se si cerca l’equilibrio, arriva un punto in cui ci si deve costringere a non lavorare. Quest’anno, aiutati a stabilire delle ore non lavorative prestabilite durante la settimana. Ciò potrebbe significare l’impossibilità di controllare le e-mail dopo le 21.00 o vietare le attività lavorative la domenica e riservare le ore di veglia alle ore di lavoro in famiglia. L’impostazione di questi confini aiuterà ad addestrare il cervello a lasciarsi andare e a godersi un po’ di tempo di inattività.

Pianifica i periodi di intensi

work life balance

Molti di noi hanno periodi di intenso lavoro – quelle settimane o addirittura mesi in cui i nostri carichi aumentano e la pressione aumenta inevitabilmente. Piuttosto che temere quei periodi, pianificali in modo da non essere completamente stressato in quel momento. Se marzo e aprile, per esempio, sono notoriamente frenetici al lavoro, alleggerisci il tuo calendario sociale durante questi mesi ed evita di impegnarti in troppi piani per il fine settimana nel caso in cui tu sia necessario in ufficio. Allo stesso tempo, trova il modo di rendere il tuo programma più gestibile durante quel periodo.

Fai smart-working

work life balance

C’è chi perde ore per gli spostamenti quotidiani. Se passi una parte del tuo tempo in transito, lavorare da casa qualche giorno alla settimana ti aiuta a liberare spazio nel tuo fitto calendario, il che rende più facile affrontare le molte responsabilità che ti vengono affidate. Naturalmente, non tutti i lavori si prestano allo smart working, ma se hai un lavoro che può essere fatto a distanza, vale la pena di chiedere al tuo manager di provare un accordo sullo smart-working.

In conclusione

Migliore è l’equilibrio tra lavoro e vita privata, maggiore è il contenuto complessivo. Segui questi consigli e, con un po’ di fortuna, avrai un tempo più facile per riuscire a lavorare, mantenendo i tuoi obblighi personali e la tua salute mentale.

Non perderti i nuovi post!

Smettila di rimandare i tuoi impegni e non portare a termine i tuoi obiettivi.
Ricevi subito la newsletter e dai una scossa alla tua produttività.

Aspetta …
Wow! Sei dei nostri.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.